invia una e-mail storia dell'edificio
vai alla home page
NatuRa
informazioni
storia
il museo oggi
fondo Cavazzuti
il progetto
didattica
eventi
galleria fotografica
Birdwatching
Guest Book
 
link
 
 
Inaugurato nel 1970, il Museo Ornitologico e di Scienze Naturali di Ravenna ha avuto origine da una raccolta di uccelli della Romagna donata al Comune di Ravenna dalle sorelle di Alfredo Brandolini, noto ornitologo ravennate.
Il patrimonio museale comprende inoltre altri reperti provenienti da donazioni esterne e attualmente contiene quindi collezioni ornitologiche ed entomologiche, a cui si aggiungono raccolte di uova e nidi, collezioni di rettili, mammiferi e conchiglie, non solo presenti nel territorio emiliano romagnolo, ma anche esotici.
Sono presenti inoltre un fondo di minerali e uno etnografico, lascito di naturalisti del territorio.

La parte allestita del Museo concretizza il desiderio della famiglia Brandolini di rendere pubblici e non vanificare studi e ricerche di una vita intera; animata da questo impegno la collezione esposta, che si riferisce al territorio emiliano romagnolo, si propone di contribuire allo sviluppo della comunità locale, sensibilizzandola alla bio - diversità faunistica e non.
La parte non allestita invece rimane come luogo di sperimentazione e di ricerca, potenziale centro propulsivo per iniziative – legate alle generazioni presenti e a quelle future – mirate alla diffusione di informazioni su ecosistemi anche diversi da quelli che le circondano, per generare rispetto e desiderio di protezione di un ambiente, che viene progressivamente distrutto senza nemmeno conoscerlo.